Vai al contenuto

Sismico

Il Comune di Castellana risulta classificato tra i Comuni sismici di IV categoria, pertanto, ai sensi della Normativa vigente, non è soggetto a particolari rischi di natura sismica.
Il territorio della penisola italiana è, come è noto, soggetto quasi interamente al rischio sismico. Per quanto riguarda la Puglia, non si hanno notizie di terremoti avvenuti in epoca storica nel suo settore centromeridionale, mentre la zona del Gargano è stata più volte sede di terremoti anche di notevole intensità ed è pertanto da considerarsi la zona della Puglia a maggiore pericolosità sismica.

Il Comune di Castellana Grotte rientra tra quei comuni che, pur non essendo stato teatro d’epicentro di sisma, ha avvertito gli effetti di sisma verificatosi nell’area del Gargano e della Basilicata.
Lo scenario è una rappresentazione della possibile entità di danneggiamento a persone e beni che si avrebbe al verificarsi dell’evento di riferimento.
Un eventuale prossimo terremoto potrebbe, difatti, avere caratteristiche diverse e verificarsi in aree più vicine al Comune di Castellana Grotte. E' per tale motivo che il programma che si propone in questo strumento è assolutamente idoneo al fine di predisporre interventi di previsione e di emergenza.
Dati significativi, invece, si hanno sul sisma del novembre dell’anno 1980, che ebbe come epicentro il territorio e i Comuni a confine tra la Basilicata e la Campania. Sulla base di quanto innanzi enunciato, tenuto conto dell’identificazione della tipologia delle strutture dei fabbricati e della classe di vulnerabilità che si può ipotizzare in base al periodo di costruzione dei fabbricati, si sono delineate le seguenti zone di territorio che possono essere maggiormente interessate da crolli ovvero da lesioni per il risentimento di un evento sismico:

  • ZONA “A” identificabile nell’area del Centro Storico, rivela una classe di vulnerabilità molto elevata. La maggior parte dei fabbricati è costruita con murature e solai in pietrame non squadrato o solai di legno, mentre altri fabbricati sono costruiti con murature in pietrame con tufi e solai con putrelle. L’intera zona si presenta omogenea, edificata prima del 900, fatte le dovute eccezioni per alcuni interventi conservativi che si stanno effettuando in questi ultimi anni. La viabilità è molto disagevole essendo la zona costituita da viuzze e stradine che in qualche caso non consentono neanche il transito di veicoli. Il transito degli autocarri risulta interdetto quasi totalmente.
  • ZONA “B” identificabile con le zone B del P.R.G., rivela una classe di vulnerabilità non elevata. La maggior parte dei fabbricati realizzati in questa zona hanno le murature in pietra e tufi squadrati con solai in pietra a botte o a crociera. Il completamento di queste zone dagli anni 1960 ha visto realizzati fabbricati con muratura in tufo squadrato e solai in c.a.. La viabilità è buona in quanto in tutta la zona le carreggiate sono larghe più di mt. 6.
  • ZONA “C” identificabile con le zone “C” del P.R.G., alcune zone “C” comprendono la periferia del centro abitato. In queste zone la maggior parte dei fabbricati sono stati realizzati dagli anni 70 ad oggi, con strutture in c.a. e tamponature miste: tufi, poroton, ecc. La vulnerabilità dei fabbricati è bassa, fatte le dovute eccezioni per gli eventuali corpi di fabbrica preesistenti.

L’abitato di Castellana Grotte non presenta alcun rischio di vulnerabilità nella rete stradale
di collegamento con i paesi vicini e con il capoluogo di provincia (Bari).

Accessibilità